IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale - Home
IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale
Iris
:: HOME PAGE
:: CHI SIAMO
:: LE PERSONE E IL METODO
I Nostri Servizi
:: CONSULENZA
DI DIREZIONE
:: SERVIZI
SOCIALI
:: SANITA'
E SALUTE
:: RESPONSABILITA' E
COMUNICAZIONE SOCIALE
:: PRIVACY E SISTEMI INFORMATIVI
:: PROGETTAZIONE
FINANZIATA
:: AMBIENTE
E TERRITORIO



IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale

:: HOME PAGE

Regione Toscana: dal 1° luglio possono riaprire i centri diurni per persone anziane
 
Con la Delibera n. 776 del 22 giugno 2020, la Giunta Regionale ha approvato il "Protocollo operativo per il rispetto delle disposizioni per la prevenzione del contagio e la tutela della salute degli utenti e degli operatori finalizzato alla riapertura delle strutture semiresidenziali per persone anziane, estendendo l'ambito di applicazione dell'art. 8 del DPCM 26 aprile 2020". La riapertura delle attività, a seguito di specifici accordi tra i gestori dei servizi e le Zone Distretto/SdS territorialmente competenti, è prevista a partire dal 1° luglio 2020 nel rispetto delle indicazioni contenute nell'Allegato A della Delibera.
 
Scarica qui il Testo della Delibera e gli Allegati A e B
 

 
 
 
Co-progettazione, la sponda della Consulta 

La Corte Costituzionale nel caso che riguardava una legge della Regione Umbria si è pronunciata sull’inquadramento costituzionale di co-programmazione, co-progettazione e accreditamento  stabilendo, nella sentenza n. 131/2020, che il rapporto che si instaura tra i soggetti pubblici e gli ETS è alternativo a quello del profitto e del mercato: la «co-programmazione», la «co-progettazione» e il «partenariato» si configurano come fasi di un procedimento complesso espressione di un diverso rapporto tra il pubblico ed il privato sociale, non fondato semplicemente su un rapporto caratterizzato da prestazioni corrispettive.
Oltre al testo della Sentenza, vi proponiamo un articolo di approfondimento di Luca Gori, pubblicato su vita.it del 26 giugno 2020.
 
Consulta qui la Sentenza e l'articolo
 

 
 
 
Educatori professionali socio-pedagogici distinti da quelli socio-sanitari