IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale - Home
IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale
Iris
:: HOME PAGE
:: CHI SIAMO
:: LE PERSONE E IL METODO
I Nostri Servizi
:: CONSULENZA
DI DIREZIONE
:: SERVIZI
SOCIALI
:: SANITA'
E SALUTE
:: RESPONSABILITA' E
COMUNICAZIONE SOCIALE
:: PRIVACY E SISTEMI INFORMATIVI
:: PROGETTAZIONE
FINANZIATA
:: AMBIENTE
E TERRITORIO



IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale

:: HOME PAGE

Riforma del Terzo Settore. La Corte Costituzionale respinge i ricorsi di Veneto e Lombardia

Il 9 ottobre 2017 il Veneto e la Lombardia presentarono alla Corte costituzionale due ricorsi affermando l’incostituzionalità del Codice del Terzo settore per la sua natura troppo “centralistica” rispetto alle previsioni riguardanti l’Organismo nazionale di controllo (ONC), il numero di Csv accreditabili, la gestione del contributo previsto dalle Fondazioni di origine bancarie (Fob) e destinato al Fun, il fondo unico nazionale e la definizione dei criteri per il Fondo per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale nel Terzo settore.

Con la Sentenza n° 185/2018 la Corte Costituzionale ha rigettato entrambi i ricorsi.

Clicca qui per consultare la Sentenza e i ricorsi del Veneto e della Lombardia

 

          
 

 

Al via la II Edizione del Corso di Alta Formazione sulla Riforma del Terzo settore

Il corso di alta formazione "La riforma del Terzo settore. Novità, problemi e percorsi di attuazione" è stato sviluppato dall’area TESSERE – Terzo settore sussidiarietà e regole della Scuola Superiore Sant’Anna, dalla Fondazione Profit Non Profit e dal CESVOT.

L’obiettivo non è solo quello di informare sulle novità della riforma, bensì pure quello di «formare» un gruppo di operatori ed esperti in grado di maturare un giudizio e di interloquire con le istituzioni per influenzare i processi decisionali.

I destinatari del corso sono i legali rappresentanti, gli amministratori, i dirigenti e tutte le figure interne alle organizzazioni no profit chiamate a confrontarsi con l’attuazione della riforma ed a valutare quali cambiamenti agli assetti giuridici, organizzativi e funzionali risultino più conformi alla nuova disciplina.

Il corso si rivolge, altresì, ai professionisti (avvocati, commercialisti, esperti contabili) che saranno interessati dall’attività di consulenza nei confronti degli enti del Terzo settore.

Potranno partecipare anche funzionari pubblici, specialmente coloro che saranno chiamati, a livello municipale e regionale, alla gestione del nuovo Registro unico del Terzo settore ed alla gestione dei rapporti con gli enti (convenzioni, coprogettazione, ecc.).

L’inizio è previsto il 10 novembre 2018. Le richieste di iscrizione dovranno pervenire entro il 29 ottobre 2018 esclusivamente on-line.

Ai candidati delle associazioni aderenti al Cesvot sono riservati 25 posti e la partecipazione è gratuita.

Per maggiori informazioni vai al sito del corso

Clicca qui per informazioni sulle borse di studio del CESVOT .

  

 

 

Impresa sociale, utili e avanzi di gestione detassati se reinvestiti

Questo è uno degli aspetti approfonditi dal documento pubblicato dal Consiglio nazionale e della Fondazione nazionale dei commercialisti, che fa il punto sul nuovo regime fiscale dell’impresa sociale (Dlgs 112/2017), anche alla luce delle modifiche introdotte con il decreto correttivo (Dlgs 95/2018).

Il documento è stato oggetto di un articolo pubblicato lo scorso 4 ottobre 2018 sul Quotidiano del Fisco de Il Sole 24 Ore a firma di Gabriele Sepio.

Leggi qui l'articolo di Sepio e il documento della FNC

 

 

 

ISTAT. Il non profit italiano continua a crescere

L'Istat ha presentato le stime aggiornate al 2016 sulla consistenza e le principali caratteristiche strutturali del settore non profit in Italia: rispetto al 2015, le istituzioni crescono del 2,1%, i dipendenti del 3,1%; si tratta quindi di un settore che continua ad espandersi nel tempo con tassi di crescita medio annui in linea con il profilo delineato dai censimenti tradizionali.

Andando più nel dettaglio, tra il 2015 e 2016 risultano in forte aumento le fondazioni, sia in termini di numerosità (+16,4%) che di dipendenti (+10,3%). Dal punto della numerosità sono invece in lieve calo le cooperative sociali (-3,3%) mentre cresce il numero dei dipendenti impiegati (+3,0%).

La distribuzione territoriale vede oltre il 50% delle istituzioni attive nelle regioni del Nord contro il 26,7% dell’Italia meridionale e insulare.

Consulta qui il Rapporto ISTAT

 

 

 

 

Documenti
:: NORMATIVE ED ATTI
:: STUDI
:: SITOGRAFIA
:: BIBLIOGRAFIA
:: FOTO GALLERY
Utilita'
:: ACCREDITAMENTO SANITARIO
:: ACCREDITAMENTO SOCIALE
:: ISEE
:: EVENTI FORMATIVI
:: SCADENZE BANDI
:: ARCHIVIO NEWSLETTER
Newsletter