IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale - Home
IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale
Iris
:: HOME PAGE
:: CHI SIAMO
:: LE PERSONE E IL METODO
I Nostri Servizi
:: CONSULENZA
DI DIREZIONE
:: SERVIZI
SOCIALI
:: SANITA'
E SALUTE
:: RESPONSABILITA' E
COMUNICAZIONE SOCIALE
:: PRIVACY E SISTEMI INFORMATIVI
:: PROGETTAZIONE
FINANZIATA
:: AMBIENTE
E TERRITORIO



IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale

:: HOME PAGE

 

Vantaggi fiscali per gli iscritti al Registro Unico del Terzo Settore

Estensione delle agevolazioni a tutti gli enti che si iscrivono al RUNTS e fondi per i centri estivi e la cooperazione internazionale: sono questi alcuni dei temi sui cui interviene il dl n. 73 del 21 giugno 2022, contenente diverse misure urgenti in materia di semplificazioni fiscali e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 143 del 21 giugno 2022.
Il provvedimento interviene sanando una criticità della normativa vigente sul Terzo settore. Sinora, infatti, ad una serie di agevolazioni fiscali (in materia di erogazioni liberali, titoli di solidarietà, social lending, social bonus, imposte indirette e tributi locali) potevano accedere soltanto gli enti già iscritti nei precedenti registri delle organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale o Onlus. La modifica introdotta consente l’accesso alle agevolazioni anche agli enti di nuova formazione o che in precedenza non erano iscritti ad alcune registro e che si iscrivono per la prima volta ad un al Registro unico nazionale del Terzo settore.
Il Decreto prevede inoltre 58 milioni di euro per i centri estivi e 70 milioni di euro per la cooperazione internazionale.
Oltre al testo del Decreto, vi suggeriamo sull’argomento la lettura di un articolo a firma di Chiara Meoli, pubblicato su cantiereterzosettore.it

Trovi il testo del Decreto e l’articolo nella sezione “Normative ed Atti” del nostro sito www.irisonline.it

 

 

 

Salute mentale: Arrivano le Linee programmatiche per progettare il “Budget di Salute”

Favorire l’integrazione tra il sistema di cura e il sistema di comunità nel campo della salute mentale: è questa la “mission” del modello organizzativo gestionale Budget di Salute (BdS) espressione dell’integrazione socio sanitaria realizzata sui territori, nell’area della salute mentale. Una best practice in grado di: favorire una migliore inclusione sociale delle persone con disturbi mentali, dello spettro autistico, con disabilità, dipendenze patologiche, ecc; contribuire alla realizzazione di percorsi di cura personalizzati per garantire l’esigibilità del diritto alla salute attraverso interventi socio sanitari integrati e flessibili; ed anche di individuare efficienti modelli di rapporto con il Terzo settore.
Il documento “Linee programmatiche: progettare il Budget di Salute con la persona” - che recepisce le modifiche proposte dalla Commissione politiche sociali e dall’Anci - mette nero su bianco gli elementi qualificanti che devono coesistere per definire il BdS, e quelli attuativi con le indicazioni dei percorsi e degli strumenti amministrativi necessari per applicarlo.
Oltre al testo del Documento vi suggeriamo la lettura di un articolo sull’argomento pubblicato su quotidianosanita.it

Consulta le Linee programmatiche e l’articolo nella sezione “Normative ed Atti” del nostro sito www.irisonline.it

 

 

E-book sulla Co-progettazione

Co-progettazione: norme, regolamento, schemi, verbali. Tutto quello che serve per farla davvero” è il titolo dell’e-book scritto da Franco Pesaresi.
Per regolare la co-programmazione e la co-progettazione ci sono le norme (art. 55) e ci sono le linee guida sul rapporto tra pubbliche amministrazioni ed enti del Terzo settore ai sensi del Codice del terzo settore ma deve essere chiaro a tutti che non si può fare la co-progettazione se l’ente pubblico che ha intenzione di attivarla non ha approvato un regolamento che definisce le procedure da seguire per garantire i criteri indicati dalla legge.
Contrariamente a quello che si pensa, le procedure di co-programmazione e di co-progettazione non sono libere ma hanno le loro specifiche regole e procedure che vanno obbligatoriamente rispettate.
Questo e-book si occupa proprio di questo: si propone di mettere a disposizione quegli strumenti – come il regolamento, gli schemi e i verbali – che sono indispensabili per avviare le co-progettazioni e la cui disponibilità può rendere molto facile la realizzazione e la conclusione di una procedura collaborativa.


Clicca qui per scaricare gratuitamente l’e-book
 

 

 

Documenti
:: NORMATIVE ED ATTI
:: STUDI
:: SITOGRAFIA
:: BIBLIOGRAFIA
:: FOTO GALLERY
Utilita'
:: ACCREDITAMENTO SANITARIO
:: ACCREDITAMENTO SOCIALE
:: ISEE
:: EVENTI FORMATIVI
:: SCADENZE BANDI
:: ARCHIVIO NEWSLETTER
Newsletter