IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale - Critica della Social (ir)Responsibility
IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale
Iris
:: HOME PAGE
:: CHI SIAMO
:: LE PERSONE E IL METODO
I Nostri Servizi
:: CONSULENZA
DI DIREZIONE
:: SERVIZI
SOCIALI
:: SANITA'
E SALUTE
:: RESPONSABILITA' E
COMUNICAZIONE SOCIALE
:: PRIVACY E SISTEMI INFORMATIVI
:: PROGETTAZIONE
FINANZIATA
:: AMBIENTE
E TERRITORIO



IRIS sas Idee & Reti per l'Impresa Sociale

Critica della Social (ir)Responsibility PDF Stampa E-mail

 Titolo
Critica della Social (ir)Responsibility

Autore
Paolo D’Anselmi


Editore
Communitas (n. 11 – Anno II – Ottobre 2006)

Anno
2006

Prezzo
€ 7,00

Sito web dell’editore
www.vita.it/communitas

ISBN
ISSN 1825 - 4993

Nota

Il volume propone un viaggio attraverso numerosi bilanci sociali fatto con competenza, maestria e grande senso d’ironia dall’Autore. Un viaggio istruttivo, corrosivo ma mai offensivo.

D’Anselmi ripercorre il significato più profondo del comunicare la responsabilità sociale di una miriade di soggetti: pubblici, privati e non profit senza peli sulla lingua e senza sudditanze psicologiche.

Lo sguardo acuto e disincantato, il linguaggio semplice e disinvolto, svelano tutta la complessità del tema, ma anche il “grande bluff” che si nasconde dietro alla “moda” e ai modi di mostrarsi buoni e socialmente responsabili.

Una strigliata d’orecchie anche per le organizzazioni non profit spesso adagiate a copiare (male) quanto già visto nelle imprese tradizionali tradendo missione e originalità della propria vocazione.

Notizie sugli autori

Paolo D’Anselmi

Ingegnere elettronico, master in Public Policy, ha lavorato per Datamat, per il CNR, per McKinsey. Editore dei manuali Guidazzurra Amministrazione Centrale dello Stato e L’Europa in Italia, ha curato l’Enciclopedia dell’Azienda per Pirola e scritto articoli su Energia, Economia Pubblica e Research Policy. Con la Cooperativa Alfa fa controllo di gestione e servizi di analisi tecnico-economica per istituzioni pubbliche e imprese private.

 

 

Pagine scelte

Pag. 15 – Il Bilancio Sociale è di moda

“Si fanno articoli di giornale, si fanno convegni, c'è persino un Oscar del Bilancio sociale. Accanto a buone idee ci sono cattive azioni, c'è il rischio del bonton, del riassorbimento di questo utile strumento nel mainstream soporifero del ‘guarda-quanto-sono-buono’. Una la certezza: c’è pochissima stima dello strumento.”

Pag. 75 – Le Associazioni di categoria

“Non sia tecnicismo enumerare nel non profit non solo gli operatori della bontà, ma anche quelli che hanno il compito di far fare i soldi agli altri, tipo i sindacati delle imprese e dei lavoratori. Dal punto di vista del bilancio sociale infatti non è banale andare a calcolare,per esempio, il valore aggiunto delle associazioni di categoria.”

Pagg. 77-78 – Il non profit

“Il bilancio sociale si addice al non profit. E’, infatti, nel non profit, pubblico e privato, che le variabili fisiche acquisiscono importanza primaria in quanto non sono riassumibili in un fatturato che tutto misura ed omogeneizza. Nel non profit, se non lo hai misurato, non lo hai fatto.”

“Ma non tutto può né deve essere quantificato. Serve pure la esplicitazione al livello più astratto del perché siamo qui. Se tale consapevolezza fa bene a chi fa qualcosa per profitto o per inerzia istituzionale, nel non prfit essa è origine dell’azione e dell’istituzione stessa. Si lega alla personal social responsibility perché spesso nel non profit uno ci lavora perché ha una propria tensione morale, spesso fa parte di quelli che della parte materiale dell’esistenza ha deciso di non cercare la ciliegia e lo fa per un ideale. Nel bilancio sociale questa cosa si può scrivere.”

Pag. 89 – La politica e il bilancio sociale

“L'amministrazione pubblica di ogni Paese segue il passo della politica e delle amministrazioni private, le aziende. La nostra amministrazione non fa eccezione. I ministeri per primi latitano nella loro comunicazione e capacità di autoanalisi dei dati, buttati poi a sorpresa e a casaccio sul proscenio della campagna elettorale.”

Pag. 133 – Le Pubbliche Amministrazioni

“Non essendo soggette alle logiche del mercato, le entrate del settore pubblico dovrebbero essere le più adatte alla rendicontazione in un bilancio sociale pubblico. Esistono documenti, linee guida e un po' di cultura, ma vallo a spiegare alle istituzioni che occorre dar conto del proprio lavoro in termini di efficacia e di efficienza...” 

 

 
< Prec.   Pros. >

Documenti
:: NORMATIVE ED ATTI
:: STUDI
:: SITOGRAFIA
:: BIBLIOGRAFIA
:: FOTO GALLERY
Utilita'
:: ACCREDITAMENTO SANITARIO
:: ACCREDITAMENTO SOCIALE
:: ISEE
:: EVENTI FORMATIVI
:: SCADENZE BANDI
:: ARCHIVIO NEWSLETTER
Newsletter